club ducati barocco - panoramica modica
striscia nera
chiudi
contatti
  • email
    Ducatibarocco@gmail.com
  • sede
    Via vanella 155 n° 65 Modica (Rg) - Mappa
  • presidente
    Giovanni Avola - 338 4998116
  • vicepresidente
    Luca Pitino
  • tesoriere
    Giuseppe Pisana - 328 0027027

contatti

news dal mondo ducati - club ducati barocco

leggi le news del mondo ducati e delle due ruote

tieniti sempre aggiornato !!

le mans, Dovizioso: mai cosi' bene con la Ducati

le mans, Dovizioso: mai cosi' bene con la Ducati L’obiettivo non cambia neanche a Le Mans, la priorita' e' quella di continuare di limitare i danni in attesa di tempi migliori. Andrea Dovizioso liquida con le stesse parole gia' usate, “va meglio ma non e' quello che ci serve per fare la differenza”, il nuovo telaio provato a Jerez dopo la gara. Il forlivese e' tipo pragmatico, non si esalta per piccoli miglioramenti, “comunque la nuova ciclistica la potremo usare perche' non e' peggiore dell’attuale”, o un buon tempo realizzato il venerdì. Sa che le illusioni sono pericolose e che le promesse non mantenute guastano il morale alla radice. Oggi potrebbe sorridere, e' s 0”543 da Pedrosa e appena 66 millesimi da Crutchlow, ma preferisce restare con i piedi per terra.

Il tuo weekend è iniziato bene.

“Devo ammettere che sono sorpreso sia del gap dai migliori, intorno al mezzo secondo, ma soprattutto del ritmo che sono riuscito a tenere. Il mio migliore tempo l’ho fatto segnare all’ultimo giro, con le gomme usate”.

Questi fa ben sperare anche per la gara.

“Sì, perche' dovremmo potere essere veloci sulla distanza. I distacchi, sia sul giro che sul passo, visti oggi sono assolutamente reali. Abbiamo avuto una giornata asciutta e tutti hanno spinto. Se domenica splenderà il sole, sono fiducioso di potere fare una gara veloce, non lontano dai primi”.

Guardando il passo sembra che questa sia la tua migliore prestazione dell’anno. E' corretto?

“E' cosi', penso di potere lottare per una buona posizione in gara e di riuscire a tenere un ritmo costante sulla distanza”.

Hai capito perche' la Desmosedici vada così bene a Le Mans?

“Forse perche' in questa pista non ci sono curve dove la velocita' di percorrenza e' importante, che e' il punto dove soffriamo di piu'. Ci sono anche delle accelerazioni da bassa velocita' e da Honda, in questa situazione, perdiamo soprattutto nelle prime tre marce. Poi non c’e' grande differenza”.

Senti che questa puo' essere un’occasione unica per ottenere un buon risultato?

“In questo momento viviamo giorno per giorno, non vedo questa pista come un jolly da giocare a tutti i costi. Del resto non e' questo il momento per pensare alla vittoria. In una gara con condizioni normali non e' possibile, magari ci sarebbe qualche possibilita' in piu' sul bagnato. Ma non e' questo il nostro obiettivo al momento. Dobbiamo continuare a concentrarci sul futuro, lavorare per trovare la strada da seguire”.


leggi tutte le altre news